Cronache Babilonesi

Cronache Babilonesi
Escursione nella Filosofia - Edward Hopper (1959)

martedì 10 marzo 2015

Sedimenti letterari



In questi giorni mi è balenata l'insana idea di elencare e "recensire" alcuni dei romanzi che, letti tra i 15 e i 25 anni (più o meno), hanno lasciato un'impronta indelebile e condizionatrice nel mio gusto letterario. Insomma si tratta di quei libri che se non li avessi mai letti non sarei quello che sono. Non che essere quello che sono sia necessariamente un bene. La questione è scevra di implicazioni giudicanti. Si tratta di semplici dati di fatto.

Lo so, lo so che non dovrei perdere tempo con queste sciocchezze, quando il governo Renzi, il quantitative easing, Putin, l'ISIS, la terza guerra mondiale, il cambiamento climatico, Pippo, Pluto e Paperino, complottano per rovesciare il bell'ordine del mondo. Però io al bell'ordine del mondo non ci ho mai creduto e il merito ( o il demerito) è proprio di queste letture precoci, onnivore e variegate che mi hanno “formato”, in un modo o nell’altro.
Ho scelto dieci testi tra i tanti che potevo mettere. Sono quelli, non potevano essere altri, magari più belli. Alcuni di questi romanzi sono universali, altri non sono forse dei capolavori veri e propri, altri lo sono (come quello di Santucci) ma sono caduti quasi totalmente nell'oblio.
Piano piano, con i miei modesti mezzi, post dopo post, cercherò di "illustrare" (brevemente, per carità) la magia di questi libri, o almeno, la magia che essi hanno operato su di me.
 
Ecco i magnifici dieci, in ordine rigorosamente casuale:

 
Orfeo in Paradiso di Luigi Santucci

 

La montagna incantata di Thomas Mann

 

Deserto d’acqua di James G. Ballard

 

Un oscuro scrutare di Philip K Dick

 

Il male oscuro di Giuseppe Berto

 

Il deserto dei Tartari di Dino Buzzati

 

Moby Dick di Hermann Melville

 

I Buddenbrook di Thomas Mann

 

Dissipatio H. G. di Guido Morselli

 

5 commenti:

  1. Da quando ti ho messo in blogroll seguirti sarà facilissimo.
    Non vedo l'ora che cominci.
    Pensa, ho letto dai 10 ai 34 anni, praticamente tutti i giorni (da 3 anni la mia testa non riesce più a concentrarsi sui libri), centinaia di romanzi, ma di questi 10, pur conoscendone bene 8, non ne ho letto nessuno...

    RispondiElimina
  2. Fra tutti - e non so bene perché - mi fa piacere la presenza di Dissipatio H.G, libro che ha significato molto anche per me.

    RispondiElimina
  3. ho letto solo il secondo e il settimo....
    sono curiosa di leggere le tue recensioni in merito per quanto riguarda tutte e dieci le letture che proponi ...è sempre interessante avere buoni propositi per affrontare nuovi mondi!

    a presto :-)

    RispondiElimina
  4. Ooops, mi accorgo che i titoli sono nove e non dieci. Meglio così, una fatica in meno. La primavera rincoglionisce.

    RispondiElimina