Cronache Babilonesi

Cronache Babilonesi
Escursione nella Filosofia - Edward Hopper (1959)

venerdì 8 maggio 2015

Pensieri nani 14




Ogni persona che cammina per strada è un miracolo di sublime, metafisica, idiozia.
Specialmente se è un uomo. Le donne hanno qualcosa che le salva dall’idiozia, ma non dal rimanente orrore pestilenziale del cosmo: forse è il culo. O le tette.

Il ridicolo nasce da regioni nascoste, che coincidono quasi perfettamente con la stessa oscurità del sesso e della morte.
Noi ridiamo di qualcosa, quando è totalmente nudo. Dio (indipendentemente dalla sua esistenza o inesistenza) non ride. Dio è una risata. Il pianto è sempre della creatura.

La noia non è semplicemente un vuoto da riempire. È, come dice Leopardi, il sentimento che qualunque cosa, perfino Dio, non ti basti mai e in questo è sentimento totalmente umano. La noia è quando il tuo sentimento non si ferma ai primi fenomeni ma sprofonda dentro il cuore della vita. Fin da bambino, allora, contrariamente a quanto ho sempre creduto, ho sentito il morso crudele della noia.

Finora ti sei salvato fuggendo. Ora che ti giri ad affrontare l’avversario fugge lui: o meglio, non dimostra nessuna importanza.  

Non si ama veramente qualcuno se non lo si vede dormire.

La sottile arte del fraintendimento: su di essa si basa la civiltà.

Trovare la propria poesia. Parise diceva che la poesia non ha eredi. Devi trovare quel tono, quell’accordatura sul tono principale dell’essere, che è solo tua. Alla fine non è nemmeno indispensabile essere letti da qualcuno. Tanto non esiste il lettore ideale: in Italia, poi, è un essere leggendario. Bisogna cercare le cose che ci nutrono e sono differenti per ognuno.

Chiunque abbia in bocca la parola "amore", spesso non sa di che parla.
È l’ennesima mistificazione del tutto. È egoismo codificato.
Anzi, bisogna guardarsi da chi ti parla d’amore. Sono i primi a essere appestati emotivamente. L'amore si può solo vivere. L'amore vero è silenzioso.

L’originalità è un frutto del processo elaborativo proprio dell’apparato conoscitivo umano. La vita in sé non è originale. Pur nell’infinita varietà dei fenomeni, si conduce sempre allo stesso modo: creazione e distruzione continua. L’originalità di espressione invece è una velleità moderna. Una illusione tarda  della borghesia mercantile. Ha origine, più o meno, all’inizio dell’Ottocento, con lo Sturm und Drang, il protoromanticismo e il romanticismo. Comincia con Hölderlin, con Beethoven, con Mendelssohn,  con Hugo, con Listz, con Dumas padre,  con Byron, con Goya. Prima di allora i canoni espressivi erano patrimonio comune. I compositori, ad esempio,  si copiavano tra loro le melodie senza problemi. Bach spesso copiava temi musicali da Vivaldi senza preoccuparsi.

12 commenti:

  1. Mi pare fosse Canetti, rivolgendomi al quinto pensiero, a dire che anche il nemico peggiore, una volta dormiente, ci strappa l'odio dal cuore.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Credo anch'io fosse Canetti. Questo è un pensiero ambivalente, anzi polivalente.

      Elimina
  2. vorrei consigliati un libro di Lorenzo Di Giovanni e Tommaso Guaita " vita segreta dei grandi scrittori " ...dici perché ? associazione di idee, da una delle tue frasi...per esempio scoprire che Manzoni era super fobico, ansioso, non usciva mai...be' mi ha riconciliato con i promessi sposi...o sapere che Pirandello, viveva con la moglie ( pazza) che brandiva coltellacci e mentre dormiva lo osservava con il coltello...me lo rende ancora più caro...
    forse sono in ot, scusa...ma ho pensato questo mentre leggevo e mi andava dirtelo.
    ciao!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un OT graditissimo S. Grazie per il consiglio ...

      Elimina
  3. Questi tuoi pensieri sono uno più bello dell'altro. Te li ruberei tutti. Ti leggo sempre con curiosità e piacere. E ammirazione.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie molte, Lorenzo. Io penso che il tuo blog sia uno dei più interessanti e mi ci ritrovo molto.

      Elimina
  4. devo confessarti che l'immagine del Buddha che ride è veramente azzeccata, così come le tue argute espressioni di pensiero ....
    non avrei mai immaginato che un genio come Bach si sarebbe ispirato a Vivaldi addirittura scopiazzandolo!:-)

    sembrerebbe poi che la noia assomigli molto a un'atra condizione ben catalogata dallo spirito tedesco: La Sehnsucht

    affinità, avverto, con questi tuoi scritti...aggiungiamo il nome di Goethe al tuo elenco?

    ciao Max :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A proposito di noia, Goethe ... mi annoia. Più Langeweile che Sehnsucht. ;-)

      Elimina
    2. :-)))

      il frammento numero sette è da incorniciare
      l'ascolto, in poesia, è Tutto ...e poi è come trovare una musica e nutrirsi...
      (ciò che è indispensabile è essere letti da chi ci nutre :-).

      Elimina
  5. E' vero, cazzo !

    RispondiElimina
  6. ieri sera ho visto La grande bellezza di Sorrentino....cosa ne pensi Max!
    all'nizio ero quasi disgustata ma poi ...
    le musiche sono ....wow ....

    RispondiElimina